L'Economia Solidale e le Istituzioni

Author: redazione / Date: Sab, 14/02/2015 - 14:27 / Tags:
Che cos'è l'Economia Solidale? Citando E.A. Housman che dice “Io non so che cosa sia la poesia, ma la riconosco quando la sento”, potremmo dare solamente come risposta: “Io non so che cosa sia l’Economia Solidale ma la riconosco quando la fanno”.
Non esiste l’homo economicus come non esiste l’uomo che fa l'economia economia solidale.Il fare non è  solo un verbo di movimento ma indica l’idea di costruire qualcosa: fare economia solidale vuole dire costruire relazioni basate su rapporti fiduciari tra le persone che sviluppano processi a loro volta in grado di incidere nella sfera del sociale in un ambito di sostenibilità ambientale ed economica. L’uomo vive in un contesto sociale e non è solo, l’uomo sceglie, l’uomo agisce, ma lo fa sempre in un contesto generale.
Con questa riflessione e con l’attuazione delle buone pratiche presenti in Italia, l’economia solidale sta proponendo un modello il cui motto è: “non fare da soli tutto ciò che è possibile fare insieme”. Le istituzioni, in questo modello, non dovrebbero stare a guardare, non dovrebbero  limitarsi ad amministrare le leggi ma dovrebbero essere proattive nel permettere il cambiamento del modo di vivere.
Inizia in questo modo il capitolo 7 dedicato alle leggi sui Gas e alle proposte dall'economia solidale all'interno del libro "Per un'economia nuova, dai Gas alla zeta" pubblicato da Altreconomia e curato dal Tavolo RES (giugno 2013). Nel capitolo hanno trovato la loro sintesi i lavori prodotti dalle reti regionali di Friuli Venezia Giulia, Puglia, Lombardia, Emilia Romagna e della Provincia di Trento.
In accordo con l'editore trovate in allegato il testo del capitolo, aggiornato successivamente (aprile 2016) per tenere conto degli sviluppi relativi a Friuli Venezia Giulia, Puglia ed Emilia Romagna.
Categoria: 
Fonte: