filiere partecipate

Funky Tomato: pomodoro senza sfruttamento

Author: redazione / Date: Dom, 15/11/2015 - 08:56 / Tags:
Il progetto Funky Tomato è stato costruito da una decina di persone - italiane ed africane - per la produzione di trasformati di pomodoro (salsa, pezzi e pelati), "biologici" anche se non certificati, con una filiera produttiva trasparente e tutta attentamente studiata, dai semi alla trasformazione, al lavoro regolare di persone coinvolte direttamente nel progetto.

Da nord a sud, tempo di filiera corta

Author: redazione / Date: Dom, 03/05/2015 - 17:02 / Tags:

Marina organizza cene in cui produttori e consumatori mangiano allo stesso tavolo. L’associazione Biorekk coinvolge agricoltori e acquirenti nell’individuazione del prezzo di un prodotto. La rete SOS Rosarno accorcia la filiera di distribuzione delle arance calabresi. Obiettivo comune di queste esperienze di filiera corta? Costruire una cogestione del sistema di produzione del cibo.

Un'economia nuova, dai Gas alla zeta

Questo libro è un sequel, che continua la saga iniziata con "Il capitale delle relazioni"; tra le sue pagine possiamo vedere come in Italia moltissime persone si stiano organizzando per fronteggiare la crisi senza rinunciare ai valori e al benvivere.

Il pan di Jole, pane di farina del nostro sacco

Author: AndreaS / Date: Sab, 11/01/2014 - 21:32 / Tags:

Si chiamano in modo diverso nelle diverse parti d’Italia: Regole, Comunanze, Partecipanze, Univesità agrarie, Vicinie… e i loro fruitori si chiamano regolieri, partecipanti, utilisti, frazionisti, comunitaristi… commoners, direbbero gli anglosassoni. Sono sfuggite ai codici napoleonici e alle leggi nazionali unitarie che regolano la proprietà sullo schema binario rigido: privato o statale.

Lombardia, prima regione in Italia per numero di Gas

Author: redazione / Date: Mar, 02/08/2011 - 23:03 / Tags:

Qui se ne concentrano oltre un quarto degli 800 distribuiti in tutto il Paese. Il primo Gas è nato nel 1994 a Fidenza, poi l’esperienza è stata replicata in altre località, fino al 1997, quando è nata la rete. "La merce termina di essere solo prodotto e diventa anche strumento di relazione tra soggetti che, oltre ai ruoli di produttori e consumatori, mettono in gioco i propri volti e le proprie storie".

Pagine

Iscriviti alle mailing list.