Iscritto da

2 anni 2 mesi
ries , 10/02/2022
REAS guida Covid 19

Questa guida è stata sviluppata nel 25° anniversario di REAS RED durante la pandemia per dimostrare che l'economia sociale solidale risponde meglio alle crisi perché è radicata nel territorio e sostenuta da reti di solidarietà che, nei momenti difficili, si attivano. Come risultato di questo modo di intendere le relazioni economiche, sociali e personali, è nata questa Guida COVID-19 alle iniziative di economia solidale di fronte alla crisi. Si tratta di un nuovo strumento collaborativo che mostra una grande diversità di iniziative di denuncia, resistenza e alternative che si stanno portando avanti da diversi territori dello Stato e in molti settori come l'ambiente, il consumo, la cura, la cultura, l'educazione, la finanza, la difesa legale, il lavoro e la produzione.

Questa guida mostra come i principi dell'economia solidale sono il miglior vaccino contro la pandemia del capitale: l'equità come principio etico e di giustizia nell'uguaglianza; il lavoro che recupera la sua dimensione umana, sociale, politica, economica e culturale, per soddisfare i bisogni reali della popolazione; l'ambientalismo che parte dall'alleanza con la natura e dal riconoscimento dei suoi diritti; la cooperazione, costruendo collettivamente un modello di società basato su uno sviluppo locale armonioso, relazioni commerciali eque, uguaglianza, fiducia, corresponsabilità, trasparenza e rispetto; il non profit, socializzando gli utili generati al servizio di un modello economico più equo; l'impegno per l'ambiente attraverso la partecipazione allo sviluppo locale e comunitario sostenibile del territorio.

Nella guida troviamo campagne e un archivio di iniziative di economia sociale e solidale che sono emerse nei paesi europei per affrontare in modo solidale le difficoltà che si presentano nella vita quotidiana.

Ci sono anche alternative per il consumo locale, come il Mercato Interno all'Ingrosso per gli agricoltori biologici, uno spazio virtuale, sotto forma di mercato all'ingrosso, che vuole essere un punto d'incontro tra produttori e commercianti di agricoltura biologica per fornire uno sbocco al cibo biologico che non viene venduto a causa della chiusura di ristoranti, alberghi e mense. Questo include iniziative come Baserriko Plaza, un gruppo di volontari che ha creato uno strumento per rispondere alla crisi del COVID-19 tra baserritarras (agricoltori) e vari agenti informatici. Un'iniziativa molto importante è stata il Laboratorio Cittadino per la costruzione di circuiti di consumo locale e responsabile nei quartieri per la costruzione collettiva di mappe virtuali che visualizzano negozi locali e sostenibili dove possiamo soddisfare i nostri bisogni primari durante questa crisi sanitaria, senza dover necessariamente ricorrere alle grandi catene alimentari e sostenendo così le reti economiche radicate nel territorio promosse dal Madrid Social Market. Infine, Carro de Combate ha proposto 8 idee per ripensare il nostro consumo durante #YoMeQuedoEnCasa.

Una delle aree che è sempre stata invisibile e che durante questa pandemia ci ha mostrato molto chiaramente che è fondamentale è quella della cura. Le donne del progetto "Cotidianas" hanno adattato la rete di sostegno reciproco che stavano costruendo da mesi e hanno lanciato chiamate a catena per continuare ad accompagnarsi e a prendersi cura l'una dell'altra durante la reclusione, così che una inizia il giro e ne chiama un'altra, e questa chiama la successiva.

Inoltre, sono state create numerose reti di assistenza, come nei Paesi Baschi e in Andalusia. A Murcia hanno creato un modulo per richiedere maschere per centri sanitari, residenze e in generale per i lavoratori dei servizi essenziali.

Ci sono anche iniziative culturali, come gli incontri audiovisivi a La Casa Encendida. Pillole audiovisive con una presentazione ispiratrice iniziale di circa 35 minuti e altri 25 minuti di dibattito e discussione interattiva. Allo stesso modo, se volete approfondire l'economia sociale e solidale, ERESS ha organizzato delle conferenze il mercoledì e il venerdì alle 18:00.

Per quanto riguarda la finanza, di cui probabilmente le imprese dell'economia sociale e solidale hanno tanto bisogno, c'è il canale #CoronaZero di Goteo, che offre lo 0% di commissione sulla sua piattaforma di crowdfunding e crowdsourcing per iniziative volte ad affrontare la crisi causata dal COVID-19. Allo stesso modo, le organizzazioni catalane di Economia Sociale e Solidale stanno promuovendo un Fondo Cooperativo per le Emergenze Sociali e Sanitarie, per contribuire alla sostenibilità di tutti questi sforzi collettivi e fornire sostegno finanziario a 26 iniziative che stanno cucendo maschere e camici, realizzando visori 3D, producendo e distribuendo prodotti agro-ecologici, assistendo le persone o sviluppando tecnologie gratuite per facilitare il telelavoro, tra gli altri.

La Guida contiene anche questa batteria di risorse per la gestione delle polizze assicurative di Arç Cooperativa che, attraverso la negoziazione con le compagnie di assicurazione, ha istituito una procedura specifica per sostenere le persone e le organizzazioni clienti al fine di facilitare e adeguare i costi dei loro programmi assicurativi. A seconda della necessità e della disponibilità delle compagnie di assicurazione, si possono attivare misure come il finanziamento gratuito dei premi, la sospensione della copertura e il rimborso dei premi o l'applicazione di sconti sul costo annuale.

Nell'ambito della consulenza legale, AKAB (Askatasun Kolektiboetarako Abokatuak) ha aperto una clinica legale per coloro che hanno subito abusi dalla polizia. Se siete costretti a lavorare o se avete dei dubbi legali a causa di questa situazione eccezionale, non esitate a contattare questa rete di avvocati. Il Mercato Sociale di Madrid sta raccogliendo tutte le informazioni delle consulenze della rete relative alle organizzazioni dell'economia sociale e solidale in relazione alle misure per affrontare la crisi COVID- 19.

I beneficiari del progetto includono i membri della Rete delle Reti dell'Economia Alternativa e Solidale e il pubblico in generale (comunità ed economie locali, cittadini, professionisti dell'ESS, politici, ricercatori, ecc.). Questo progetto ha permesso di mappare 121 iniziative promosse dall'ESS per coesistere con COVID19 in modo più equo, che possono servire da ispirazione per altri attori e migliorare la qualità della vita delle persone.

Fonte: RIPESS Europe e Economiasolidaria.org

La Red de Redes de Economía Alternativa y Solidaria (REAS) è stata creata nel 1995 per sviluppare l'economia solidale in Spagna. Le nostre diverse linee di lavoro si basano sui principi e i valori della Carta dell'Economia Solidale per agire con rispetto e cura per l'ambiente, per promuovere un modello di solidarietà e collaborazione, e per mettere le persone e i loro bisogni prima del profitto o della redditività. REAS ha 944 entità che partecipano a 15 reti territoriali e 4 reti settoriali.

Categoria:
Chi:
Dove: