Iscritto da

1 anno 6 mesi
ries , 18/09/2021

Tag:

Settimana dell'ESS a Scuola in Francia

Nelle scuole francesi, dal nido al liceo, da cinque anni si organizza una settimana per abbattere idee preconcette e promuovere un’altra vision di economia e società.

Traduzione di un articolo di Mathilde Blanchon per economiasolidaria.com.ar

Nel 2017, l'Economia Sociale Solidale ha mobilitato 13 milioni di volontari e 2,3 milioni di lavoratori in Francia, che rappresentano 5.000 nuove imprese ogni anno e 164.000 imprese in totale: associazioni, cooperative, mutue o fondazioni. L’ESS rappresenta il 10,5% del lavoro dipendente e più del 10% del PIL francese. Tuttavia, il contributo dell'ESS all'economia è ancora percepito come marginale: non è redditizio a lungo termine, coinvolge solo piccole strutture e non mancano idee preconcette su questo settore.

Per rispondere a questa osservazione, l'OCCE e Coop Fr hanno creato 20 anni fa la Settimana della Cooperazione a scuola. Nel 2017, ESPER (Partner di Economia Sociale della Scuola della Repubblica francese) ha aderito all'iniziativa, che è diventata, con il sostegno del Ministero dell'Educazione Nazionale e della Segreteria di Stato incaricata dell'ESS, “La Settimana dell'ESS a scuola”.

Il nome è cambiato, ma l'obiettivo no: secondo Véronique Baraize, presidente dell'iniziativa, l'obiettivo rimane quello di educare "su e attraverso l'ESS" dal nido alla scuola superiore, in tutta la Francia. Da un lato, "educare nell'ESS" significa trasmettere i principi fondamentali che governano il settore: cooperazione e democrazia, libera adesione, perseguimento dell'interesse generale o collettivo e primato della persona umana sul capitale, un insieme di valori compatibili con la cittadinanza promossa dall'istruzione primaria e secondaria francese. In questa prospettiva, vengono organizzati incontri con professionisti e volontari del settore per sensibilizzare gli studenti al progetto politico dell’economia solidale.

Inoltre, "educare attraverso l'ESS e la cooperazione" significa, secondo ESPER, fare di queste forme di organizzazione un metodo pedagogico. In effetti, si tratta di pratiche che favoriscono l'impegno nell'organizzazione collettiva di progetti in risposta a bisogni definiti, il coinvolgimento di responsabilità individuali e collettive, l'emergere di un interesse comune, o pratiche che educano al dibattito e ai modi di prendere decisioni tra più persone. Questa ambizione si concretizza nel programma "La mia impresa sociale e solidale", che mira a sviluppare la creazione di strutture di ESS nelle scuole secondarie. La settimana ESS a scuola è un'opportunità per gli studenti coinvolti di condividere e mostrare il loro lavoro e le loro idee.

In breve, questo periodo dovrebbe permettere agli studenti di acquisire una visione pluralista della vita sociale e del mondo economico. Véronique Baraize spiega: "attraverso un progetto che li coinvolge, gli alunni di una classe o di una scuola possono scoprire che le relazioni sociali ed economiche non si limitano all'individualismo e alla competizione e che l'efficacia può venire anche dall'organizzarsi insieme nel tentativo di sviluppare un benessere collettivo in interazione con l'individuo.

Guardando all'edizione del 2021

La quinta edizione della Settimana ESS a scuola, che si è svolta dal 22 al 27 marzo 2021, ha registrato quasi 200 iscrizioni di classi e di aziende disposte a organizzare eventi. Questo entusiasmo si è tradotto in circa 150 azioni di solidarietà in tutta la Francia. Le iniziative sono varie: una mostra di oggetti riciclati creata dagli alunni di un asilo di Seine et Marnes, la raccolta di prodotti alimentari e igienici in una scuola secondaria di Point-à-Pitre a favore del Banco alimentare della Guadalupa, un incontro con i professionisti del settore in una scuola secondaria nel sud dell'Ardèche, o l'apertura di un negozio temporaneo in una scuola secondaria in Savoia, ecc. ESPER, Coop Fr e OCCE hanno potuto contare anche sul sostegno attivo di Olivia Grégoire. Il segretario di Stato per l'economia sociale solidale ha risposto alle domande degli studenti di maturità professionale del liceo Vauvert di Bourges.

Infine, l'evento di quest'anno ha permesso a più di cento funzionari di 23 accademie nazionali d'istruzione di partecipare a un corso di formazione a distanza offerto da attori centrali del settore come la MGEN, la Federazione Apajh e Alefpa.

Categoria:
Dove: